Lo yogurt nelle paste

Lettere d'amore e battute di Alain Delon

Lo ammetto.
Sono un inguaribile romantico, e non di rado mi diverte sfumare il romanticismo di una vena ironica ma anche malinconica.
Voglio dire, il romanticismo è di per sé un po’ malinconico.
Forse è necessario.
Ma dicevo che sono romantico, e non a caso credo che la cosa migliore che abbia mai scritto sia stata una lettera d’amore, qualche anno fa.
Scrivere lettere d’amore è un po’ come andare a sbattere su un muro sapendo di farlo, senza nemmeno provare a mettere le mani avanti.
Nel senso che non sono previsti paracaduti, e lo sai o dovresti saperlo.
Insomma ci vuole coraggio.
Sono quelle cose che scrivi di getto e di notte e di cuore e non di testa, che a volte paiono pasticci imbarazzanti il mattino successivo.
Ma che qualche altra volta, chissà poi perché, diventano un modo unico di comunicare e di esprimere pensieri e di dire di te e di raccontare cose e di parlare agli altri in forma scritta, un modo che è veramente il tuo e solo il tuo.
Quello che magari cerchi da una vita.
E per quanto certe lettere siano belle e vivano di vita propria anche senza il motivo per cui sono state scritte, sono sempre e comunque di qualcuno e per qualcuno.
Non si possono usare due volte o almeno non si dovrebbe.
Non quelle vere e uniche.
Sarebbe come guardare un film e voler rubare una battuta di Alain Delon per riciclarla.
Confesso che qualche volta c'ho provato, ma funziona solo nel film.

Lo yogurt nelle paste logo

Blog diaristico semiserio,
con malcelate velleità letterarie,
ideato da Andrea Basagni